Book Club n. 2 – Maggio 2014

Il Book Club è una nuova proposta della riflessione storiografica che C’era una volta l’America propone tra le righe di Americana. L’idea nasce dall’iniziativa, inaugurata nel Numero 6 della Newsletter, di stilare periodicamente un elenco delle pubblicazioni degli ex alunni CISPEA.

Nel Book Club si trovano le segnalazioni che ci giungono da ex alunni, studiosi e appassionati, riguardanti pubblicazioni italiane e non, attinenti alla storia americana.

Invitiamo tutti i lettori a inviarci nuove segnalazioni all’indirizzo ceraunavoltalamericacispea@gmail.com.

 

N. Barreyre, M. Heale, S. Tuck and C. Vidal (eds.), Historians across Borders. Writing American History in a Global Age, Oakland, University of California Press, 2014, 336 pp.

9780520958050_p0_v1_s260x420In this stimulating and highly original study of the writing of American history, twenty-four scholars from eleven European countries explore the impact of writing history from abroad. Six distinguished scholars from around the world add their commentaries.

Arguing that historical writing is conditioned, crucially, by the place from which it is written, this volume identifies the formative impact of a wide variety of institutional and cultural factors that are commonly overlooked. Examining how American history is written from Europe, the contributors shed light on how history is written in the United States, and, indeed, on the way history is written anywhere. The innovative perspectives included in Historians across Borders are designed to reinvigorate American historiography as the rise of global and transnational history is creating a critical need to understand the impact of place on the writing and teaching of history.

This book is designed for students in historiography, global and transnational history, and related courses in the United States and abroad, for US historians, and for anyone interested in how historians work.

http://www.ucpress.edu/book.php?isbn=9780520279292.

 

G. Bernardini, Nuova Germania, antichi timori. Stati Uniti, Ostpolitik e sicurezza europea, Bologna, Il Mulino, 2014, 312 pp.

eb43079cover24693A quarant’anni dal suo completamento, la Ostpolitik del cancelliere Willy Brandt continua a rappresentare un esempio di accettazione del tragico passato collettivo tedesco e di riconciliazione con il presente di un Paese diviso. Tuttavia, essa fu anche un laboratorio progettuale orientato alla ridefinizione della futura sicurezza europea e alla promozione di un nuovo ordine di pace per il continente. Dato il suo carattere di accentuata autonomia, la Ostpolitik comportò fasi di dissidio e competizione con la distensione promossa dal presidente statunitense Richard Nixon, incentrata sul dialogo esclusivo con l’Unione Sovietica. Tali processi furono fortemente condizionati dal riaffiorare a Washington di timori e sospetti in merito alla rinnovata intraprendenza della politica estera condotta dalle autorità federali tedesche, a un quarto di secolo dalla fine della Seconda guerra mondiale. Grazie alle fonti d’archivio oggi disponibili, il volume ricostruisce le dinamiche attraverso cui i due processi si influenzarono reciprocamente e posero le basi per la riformulazione della Guerra fredda in Europa, conferendole alcuni caratteri che essa avrebbe conservato fino al definitivo smantellamento della «cortina di ferro» e alla riunificazione della Germania.

http://www.mulino.it/edizioni/volumi/scheda_volume.php?vista=scheda&ISBNART=24693.

 

E. Bini, La potente benzina italiana. Guerra fredda e consumi di massa tra Italia, Stati Uniti e Terzo mondo (1945–1973), Roma, Carocci, 2013, 272 pp.

9788843069712gDa oltre un secolo, il petrolio ha un ruolo fondamentale nel definire le relazioni internazionali, le vicende della politica e dell’economia, la nostra vita quotidiana. A quarant’anni dalla prima crisi energetica, il libro analizza i rapporti tra l’Italia, gli Stati Uniti e i paesi produttori di petrolio, tracciando il ruolo svolto dall’ENI nel promuovere la motorizzazione di massa all’indomani della Seconda guerra mondiale. Attraverso la costruzione di stazioni di servizio, la formazione di efficienti benzinai e la diffusione di pubblicità incentrate sul “cane a sei zampe”, l’ENI fece propria l’interpretazione americana del consumo di massa come motore di sviluppo economico e veicolo di cittadinanza, e si presentò come l’espressione della capacità dello Stato di distribuire ai cittadini i benefici di una moderna società dei consumi. Nei rapporti che instaurò con i paesi produttori l’ENI propose lo sviluppo italiano come un modello da seguire, istruendo una nuova classe dirigente, trasferendo tecnologia e incoraggiando l’espansione della motorizzazione e del turismo. L’importanza assunta dall’ENI fu tale che negli anni Sessanta venne considerata dagli Stati Uniti come uno strumento di diplomazia culturale nei confronti del Terzo mondo, e da quest’ultimo come una fonte di aiuti tecnici ed economici.

http://www.carocci.it/index.php?option=com_carocci&task=schedalibro&Itemid=72&isbn=9788843069712.

 

M. Cento, “Daniel Bell e lo Stato post-industriale: percorsi di ‘assemblaggio’ dello Stato americano”, in Passato e Presente, XXXI, 91 (2014), pp. 103–126.

Daniel Bell and the Post-industrial State: Paths of “Assemblage” of the American State discusses Daniel Bell’s reflections on the American State between World War II and the political, economic and social crisis of the 1970s. The A. rejects the traditional image of US as a stateless society and shows how Bell’s sociological approach permits rethinking the American State, pointing out how the coming of post-industrial society brings about a new political organization, which draws on the interplay between public, private and hybrid governmental structures. This fluid and polycentric political organization – the post-industrial State – is presumed to reduce the increasing administrative overload, fueled by the expansion of social programs, and to defuse social unrest. Bell calls for a privatization of some social functions of the State, foreshadowing the contemporary transition from government to governance.

http://www.francoangeli.it/riviste/Scheda_Rivista.aspx?IDArticolo=50170&idRivista=98.

 

S. Cinotto, Making Italian America: Consumer Culture and the Production of Ethnic Identities, New York, Fordham University Press, 2014, 352 pp.

9780823256242_p0_v2_s260x420How do immigrants and their children forge their identities in a new land – Land how does the ethnic culture they create thrive in the larger society? Making Italian America brings together new scholarship on the cultural history of consumption, immigration, and ethnic marketing to explore these questions by focusing on the case of an ethnic group whose material culture and lifestyles have been central to American life: Italian Americans.

As embodied in fashion, film, food, popular music, sports, and many other representations and commodities, Italian American identities have profoundly fascinated, disturbed, and influenced American and global culture. Discussing in fresh ways topics as diverse as immigrant women’s fashion, critiques of consumerism in Italian immigrant radicalism, the Italian American influence in early rock ‘n’ roll, ethnic tourism in Little Italy, and Guido subculture, Making Italian America recasts Italian immigrants and their children as active consumers who, since the turn of the twentieth century, have creatively managed to articulate relations of race, gender, and class and create distinctive lifestyles out of materials the marketplace offered to them. The success of these mostly working-class people in making their everyday culture meaningful to them as well as in shaping an ethnic identity that appealed to a wider public of shoppers and spectators looms large in the political history of consumption. Making Italian America appraises how immigrants and their children redesigned the market to suit their tastes and in the process made Italian American identities a lure for millions of consumers.

Fourteen essays explore Italian American history in the light of consumer culture, across more than a century-long intense movement of people, goods, money, ideas, and images between Italy and the United States – a diasporic exchange that has transformed both nations. Simone Cinotto builds an imaginative analytical framework for understanding the ways in which ethnic and racial groups have shaped their collective identities and negotiated their place in the consumers’ emporium and marketplace.

Grounded in the new scholarship in transnational U.S. history and the transfer of cultural patterns, Making Italian America illuminates the crucial role that consumption has had in shaping the ethnic culture and diasporic identities of Italians in America. It also illustrates vividly why and how those same identities – incorporated in commodities, commercial leisure, and popular representations – have become the object of desire for millions of American and global consumers.

http://global.oup.com/academic/product/making-italian-america-9780823256242?lang=en&cc=it.

 

M. Del Pero, La guerra fredda, Roma, Carocci, 2014, 128 pp.

QP_DelPero_LaGuerraFredda_COVER.inddL’antagonismo tra le due grandi potenze uscite vincitrici dalla Seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica, ha caratterizzato gran parte della seconda metà del Novecento. Attraverso il confronto tra la politica estera e di sicurezza di Washington e Mosca, l’autore ripercorre le tappe che hanno scandito la competizione bipolare dalle origini ai momenti di massima tensione, fino alla dissoluzione dell’URSS. L’ultima parte del libro esamina il lascito della guerra fredda sul sistema internazionale contemporaneo.

http://www.carocci.it/index.php?option=com_carocci&task=schedalibro&Itemid=72&isbn=9788843071944.

 

T. Detti, G. Lauricella, Le origini di Internet, Milano, Bruno Mondadori, 2013, 240 pp.

$(KGrHqRHJDoFIpwEbVObBSNuCO3hc!~~60_35Dal 1995 ad oggi il numero degli utenti di Internet è passato da 16 milioni a oltre 2,7 miliardi. Quali sono stati i fattori di un successo così esplosivo? Il libro ricostruisce le origini di Internet dagli anni successivi alla seconda guerra mondiale fino al World Wide Web, non limitandosi alla storia della tecnologia e dando ampio spazio al contesto culturale, sociale e politico al cui interno la rete si è sviluppata. Gli autori leggono le tappe di formazione della “rete delle reti” come una sorta di processo evolutivo nel quale, a ogni passaggio, le soluzioni prescelte dai suoi artefici sono state le più funzionali alle loro esigenze e le più idonee a garantirne lo sviluppo nel contesto in cui operavano. Pur avendo origini militari, la rete fu costruita dai suoi stessi utenti: una comunità di ricercatori per lo più universitari, che aveva come obiettivo lo sviluppo della conoscenza. Nasce da qui il carattere user-oriented che tuttora contraddistingue il Web e può essere fatto risalire in particolare all’avvento, all’inizio degli anni settanta, della posta elettronica.

http://www.pearson.it/opera/bruno_mondadori/28-5576-le_origini_di_internet.

 

P. Macrì, L’American Friends Service Committee e il soccorso quacchero in Europa dalla Grande guerra al 1923, San Cesario di Lecce, Piero Manni, 2013, 232 pp.

cop macrìMacrì ricostruisce, sulla scorta di una documentazione di alto pregio ricavata dagli archivi quaccheri di Filadelfia, l’enorme sforzo umanitario realizzato dalle associazioni quacchere durante e dopo la prima guerra mondiale nei Paesi europei devastati dal conflitto e dalle successive carestie che si abbatterono sulle popolazioni inermi. Il contributo che i quaccheri inglesi, prima, e americani, a partire dall’entrata in guerra degli Stati Uniti, hanno dato all’Europa in fiamme è qualcosa che lascia stupefatti in questo libro minuzioso, attentamente documentato e di appassionante lettura.

http://www.mannieditori.it/libro/l%E2%80%99american-friends-service-committee-e-il-soccorso-quacchero-europa-dalla-grande-guerra-al-192.

 

M. Molinari, L’aquila e la farfalla. Perché il XXI secolo sarà ancora americano, Milano, Rizzoli, 2013, 182 pp.

9788817067546gNonostante i tanti dibattiti sul suo presunto declino, l’America dà segni di grande vitalità e si avvia a guidare il nuovo secolo. Dopo aver superato la più grave crisi economica degli ultimi decenni, gli Usa si stanno infatti confermando la più brillante e prolifica fucina di innovazione e di idee del pianeta, un laboratorio formidabile in grado di creare ricchezza in ogni ambito: con l’economia digitale targata Silicon Valley, che ha traghettato l’industria dalla realtà fisica a quella virtuale; con lo sfruttamento dello shale gas, che li renderà presto indipendenti dal petrolio degli sceicchi; con il nuovo welfare di Obama, erede culturale del New Deal rooseveltiano e della Nuova Frontiera kennediana che tassa le ricchezze per riequilibrare le disuguaglianze del Paese. Ma anche attraverso significative riforme nel mondo del lavoro e dell’istruzione passando per la legalizzazione dei clandestini e i diritti civili dei gay fino all’implementazione della democrazia digitale, il fattore chiave che tanta parte avrà nelle ragioni della pace e della guerra future. Che significato ha questo per noi europei? Quali sono le implicazioni per l’Italia, in parte arretrata e ancora alle prese con gli odii etnici e razziali del Novecento? L’autore, da oltre un decennio corrispondente da New York, ci spiega perché tutto ciò ci riguarda, e grazie a queste vere e proprie “cartoline dal futuro” ci introduce con sorprendente chiarezza nell’avvincente, grande rivoluzione a stelle e strisce. Una cronaca dei cambiamenti epocali ancora in atto, talvolta contraddittori e problematici, il cui filo conduttore è una grande visione che affonda le sue radici nella leggendaria resilienza del popolo americano, nella sua capacità di reinventarsi e nel suo ancora intatto spirito pionieristico.

http://rizzoli.rcslibri.corriere.it/libro/6754_l_aquila_e_la_farfalla_molinari.html.

 

B. Pierri, “American Interests in the Persian Gulf and the Implementation of the Nixon Doctrine: the Case of Iraq, 1968–1972″, I, in Studium, CIX, 6 (Novembre–Dicembre 2013) pp. 886–909. / B. Pierri, “American Interests in the Persian Gulf and the Implementation of the Nixon Doctrine: the Case of Iraq, 1968–1972″, II, in Studium, CX, 1 (Gennaio-Febbraio 2014), pp. 116-136.

Fino al 1968, gli americani avevano fatto affidamento sulla presenza militare dei britannici per tutelare gli interessi occidentali nel Golfo Persico. Il ritiro delle forze di Sua Maestà apriva invece nuovi scenari. La cosiddetta “Dottrina Nixon” si basava sulla volontà di affidare alle potenze regionali, in particolare Iran e Arabia Saudita, il compito di contenere eventuali minacce di espansione sovietica. Per quanto concerneva l’Iraq, esso era in possesso di riserve energetiche seconde solo a quelle dell’Arabia Saudita. In secondo luogo, la rivalità tra Baghdad e Teheran rischiava di innescare una spirale di violenza che avrebbe potuto coinvolgere altri Stati arabi. Se tale conflitto fosse sfociato in uno scontro armato, avrebbe destabilizzato un’area delicatissima per il volume di traffici commerciali, probabilmente favorendo Mosca, che cercava di espandere la propria influenza in Iraq, ma che allo stesso tempo aveva intessuto buoni rapporti economici con gli iraniani. Infine, le rivendicazioni indipendentiste dei kurdi erano avversate da turchi e iraniani. Alla luce di tutto ciò, Nixon e Kissinger decisero di regionalizzare il contenimento, monitorando e limitando le politiche dell’Iraq, il tutto sempre nell’ottica del disegno globale della Guerra Fredda.

A seguito del ritiro britannico dall’area del Golfo Persico, l’Iraq aveva assunto importanza rilevante sia per gli interessi americani, che per quelli sovietici. Il fatto che Mosca fosse il suo maggiore fornitore di armi faceva sì che i sovietici fossero tentati di influenzarne le politiche. Tuttavia, Baghdad aveva interesse a ridurre la dipendenza da un solo Stato straniero, ragion per cui buoni rapporti commerciali furono avviati con gli Stati Uniti. Infine, il conflitto con i kurdi rischiava di destabilizzare la regione. Il trattato di amicizia e cooperazione con i sovietici e la nazionalizzazione della Iraq Petroleum Company, nel 1972, indussero Nixon a finanziare la resistenza kurda e approvare la vendita di armi pesanti all’Iran. Tale situazione, però, non rispondeva agli interessi di Baghdad. Infatti, l’Iran si stava affermando come potenza egemone, mentre l’Iraq era impegnato nella lotta contro la resistenza kurda e nel tentativo di commercializzare il greggio nazionalizzato. La giunta baathista doveva avviare un processo di distensione con l’Iraq e un accordo con Teheran, inoltre avrebbe allentato i legami con l’Unione Sovietica. A dimostrazione di ciò, Baghdad non diminuì, anzi aumentò la produzione petrolifera durante la crisi dello Yom Kippur. Infine, il trattato del 1975 tra Iraq e Iran regolò i confini tra i due Stati. In cambio, lo Shah ritirava il sostegno alla resistenza kurda. Gli accordi erano stati ispirati da Kissinger per impedire ai sovietici di sfruttare le tensioni arabo-persiane con l’intento di espandere la propria influenza nell’area.

http://www.edizionistudium.it/it/rivista/annate.htm.

 

P. Rudan, L’inventore della costituzione. Jeremy Bentham e il governo della società, Bologna, il Mulino, 2014, 256 pp.

linventore-della-costituzione-jeremy-bentham-e-il-governo-della-societa-205233Fra i primi a dare rilevanza fondamentale al concetto politico di costituzione in senso moderno, Jeremy Bentham riconosce nella società un ordine dotato sì di norme e regole proprie, ma anche esposto al costante rischio del disordine e della rivoluzione. Nella sua visione, la costituzione non si riduce a un documento formale, ma è l’insieme di pratiche sociali, politiche e amministrative che garantiscono il governo della società. Considerato tra i massimi esponenti ora del liberalismo ora della concezione disciplinare del potere, anticipatore ora del welfare ora dei regimi totalitari del ’900, l’«inventore della costituzione» è in realtà il primo grande teorico della democrazia come progetto di organizzazione manageriale dei movimenti della società e degli individui che ne sono protagonisti.

http://www.mulino.it/edizioni/volumi/scheda_volume.php?vista=scheda&ISBNART=24822.

 

M. Vaudagna, The New Deal and the American Welfare State. Essays from a Transatlantic Perspective (19331945), Torino, Otto Editore, “Nova Americana” Series, 2014, 367 pp.

cope_new_deal_402This book examines the “Age of Roosevelt” through essays published over more than thirty years of scholarship and consequently reveals how historical interpretations of these pivotal decades have changed since the late 1970s.

The “Age of Roosevelt,” which encompassed both the Great Depression and World War II, was a prolonged emergency that marked a turning point in the history of the twentieth century. This twelve-year period represented the climax of the worldwide confrontation between initially competing and later warring principles of public and personal life: liberal democracy, fascism and bolshevism. The “Old World” was increasingly engulfed in the “European tragedy” of dictatorship, aggressive nationalism and racism, with World War II only aggravating what has been called the “European decline.” At the same time, by contrast, the concept of the “American Century” was being progressively established.

During the twelve-year “age of Roosevelt” the United States went from being a “sick nation” in the early 1930s, coinciding with the start of the century’s worst worldwide depression, to the most powerful country in the world. To make this happen, Franklin D. Roosevelt used the New Deal to develop a new style of leadership, a new relationship between government and society, and a new discourse on American identity. In fact, Roosevelt’s New Deal transformed the United States from a quintessential “latecomer” in terms of social policy into the leader of a new liberal-democratic system of social protection that opposed the system promoted by the European dictators.

Versione in Open Access http://megalo.otto.to.it/ftp/varie/new_deal_web.pdf.

http://www.otto.to.it/catalogue/detail/167.

COMMENTI

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0