Presentazione della newsletter

C’era una volta l’«America» è la newsletter degli ex alunni della summerschool che il “Centro interuniversitario di storia e politica euro-americana” (CISPEA), il quale unisce gli storici americanisti delle università di Bologna, Firenze, Trieste e del Piemonte orientale, organizza dal 2005 con l’aiuto determinante della cooperativa Boorea e dell’Istituto Banfi di Reggio Emilia. Fin dalla sua prima edizione, dedicata al tema dell’eccezionalismo americano, la scuola ha svolto attività formativa per studenti e giovani studiosi, di diversa provenienza universitaria e disciplinare, con lo scopo di fornire una strumentazione scientifica aggiornata alla comprensione della storia politica statunitense, al di là degli stereotipi che ancora influenzano il dibattito sugli Stati Uniti nei media e anche in molte pubblicazioni. Duplice è la convinzione che muove la scuola: la consapevolezza dell’ineludibilità degli studi storici nell’ambito delle scienze politiche, sociali e umane, e quella, che abbiamo come cittadini, della specifica rilevanza dell’analisi storico-politica per cogliere le sfide del mondo globalizzato, nel quale la nazione americana occupa una posizione strategica da cui non è possibile prescindere per comprendere la realtà politica, sociale e culturale non soltanto europea, ma globale. In quest’ottica le varie edizioni della scuola hanno trattato, oltre all’eccezionalismo, le tematiche della democrazia americana, dell’americanismo e dell’antiamericanismo, della superpotenza globale americana e, nell’ultima edizione, della cittadinanza negli Stati Uniti.

L’ormai acquisita continuità della summerschool ha convinto il CISPEA della necessità di non lasciare che il capitale umano costituito da chi ha partecipato alla scuola si disperda. Nello scorso giugno, al termine della Sesta edizione, è stata quindi creata l’occasione per un incontro assembleare degli ex alunni che, pur avendo intrapreso diverse strade formative e lavorative, dentro e fuori l’università, continuano ad avere un forte interesse per la storia politica e la politica statunitensi. Dal confronto è emersa l’esigenza di costruire un network degli ex alunni, con un proprio strumento di comunicazione, informazione e approfondimento:C’era una volta l’«America».  Per quanto realizzata e diretta innanzitutto dagli ex-alunni, la newsletter non vuole rivolgersi soltanto a loro. Pertanto sarà pubblicata sul sito CISPEA (http://www.cispea.org/) e verrà distribuita nelle mailing-list delle associazioni accademiche e attraverso una rete informale di cittadini, giornalisti e professionisti. Lo scopo è quello di mettere in comune, pubblicizzare e rendere usufruibile il bagaglio di conoscenze accumulate, in corso di acquisizione ed elaborazione, dagli alunni della scuola. La newsletter vuole in questo senso attraversare e comunicare con le diverse discipline universitarie, che studiano gli Stati Uniti d’America da diverse prospettive. Vuole inoltre essere uno strumento di collegamento con il mondo non accademico, ovvero con coloro che seguono la politica statunitense nella loro professione (pubblicista, giornalista, bibliotecario ecc. ecc.) o semplicemente in quanto cittadini.

C’era una volta l’«America» sarà semestrale. Il numero autunnale del 2010 sarà dedicato alla scuola estiva e riporterà le relazioni degli alunni sulle tematiche affrontate. Pubblicherà, inoltre, un breve profilo universitario degli studenti e dei giovani studiosi che hanno partecipato alla scuola, per offrire uno spettro degli studi e delle ricerche in essere. Il numero primaverile sarà, invece, dedicato a un tema dell’attualità politica statunitense attraverso un breve saggio anche di contenuto storiografico. La newsletter vuole in questo senso fornire informazioni bibliografiche per l’approfondimento del profilo storico di tematiche politiche contemporanee, nella convinzione che possa essere utile non soltanto a coloro che seguono un percorso accademico, ma anche a coloro che nutrono un interesse per la politica statunitense nelle loro professioni, o per semplice passione.

COMMENTI

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0